Effetti della conservazione del vino in vasi vinari in cocciopesto e cemento - DrunkTurtle
17966
post-template-default,single,single-post,postid-17966,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Effetti della conservazione del vino in vasi vinari in cocciopesto e cemento

27 Lug Effetti della conservazione del vino in vasi vinari in cocciopesto e cemento

 

Drunk Turtle ha incaricato l’enologo Enzo Brini per un “protocollo di studio sugli effetti della conservazione del vino in vasi vinari in cocciopesto e cemento”.

L’obbiettivo è valutare le caratteristiche dei contenitori che vengono prodotti dalla società in relazione alla permeazione di ossigeno, alla possibilità di cessione di elementi (in particolare metalli pesanti) e all’effetto sensoriale dei differenti vasi vinari sul vino.

Per le prove di permeabilità, fatte nella Tenuta di Ghizzano della famiglia Venerosi Pesciolini,

sono stati usati vasi vinari in cocciopesto e cemento della capacità di 100 litri. Per quelle di cessione, fatte nella cantina Il Conventino di Montepulciano è stato usato un vaso vinario Opus 10 in cocciopesto da 1000 litri . I dati risultanti ad oggi costituiscono il primo step del protocollo di studio che proseguirà fino a dicembre. I risultati della ricerca iniziata possono essere richiesti a enzo@drunkturtle.it.

No Comments

Post A Comment